La risposta di Romano Prodi alla mia lettera

Ecco la risposta alla mia lettera a Romano Prodi datami dalla Redazione del sito www.romanoprodi.it, un pò coincisa però incoraggiante:

Caro Gianpaolo, in breve ti riportiamo un estratto dal programma di Romano presentato alle primarie: “Mettere i giovani al centro del rilancio dell’economia, restituendo dignità all’istruzione professionale, incentivando l’accesso alle facoltà scientifiche, promuovendo le esperienze all’estero per chi studia e chi lavora, riformando le leggi sul lavoro per impedire che la necessaria flessibilità si tramuti in precarietà. Mettere i giovani al centro della società progettando un nuovo servizio civile che li metta in rapporto con le grandi questioni dell’Italia e dell’Europa.”

Per concludere la drastica diminuzione del precariato dei giovani è un punto fondamentale per Prodi e il suo programma. Bisogna prendere delle misure per cui il lavoratore dipendente a tempo indeterminato torni ad essere “conveniente” per le aziende, che oggi hanno molta più convenienza (fiscale) a fare contratti a progetto. Inoltre la flessibilità del lavoro deve essere e rimanere una risorsa per alcuni, ma con una retribuzione più alta(vista la sua precarietà),una maggiore dinamicità di cambiamento e sopratutto per un periodo limitato.

un caro saluto
la redazione

Dai Romano, non tradirci!