Andalusia – Costa de la Luz

Dopo
la Spagna del Nord, eccoci in quella del Sud. Non volendo andare
sulla Costa del Sol, definito da molti come un agglomerato di
villette e alberghi, con spiagge prive di fascino, ci siamo mossi
verso la Costa della Luz, molto più naturale e meno battuta
dai turisti. Partendo da Bologna siamo atterrati all’aeroporto di
Siviglia molto vicina a questa costa (Iberia). Arrivati ci è
capitato subito una dispiacevole avventura. L’ hostal in cui avevamo
prenotato, ha deciso semplicemente di non tenerci valida la
prenotazione senza avvertirci naturalmente della cosa, utilizzando
come scusa che la carta di credito che avevamo dato non era valida.
Naturalmente la carta di credito è stata utilizzata per tutta
la vacanza. Infatti in Spagna del sud le prenotazioni non valgono
molto, soprattuto negli hostales. Meglio chiamare uno o due giorni
prima e chiedere conferma. Noi vi abbiamo avvertiti. Abbiamo dovuto
ripiegare quindi su un buon hotel, accogliente e con camere complete
di tutto. A luglio una camera doppia costava 52€, dal 1 agosto
57€ a notte. Da giugno ad agosto in qualsiasi hotel i prezzi
delle camere arrivano addirittura a triplicare. E si arriva a pagare
tranquillamente 40€ per camere veramente squallide.

  • Siviglia è
    una città fantastica e in poco tempo vi sentirete accolti.
    Per mangiare occorre buttarsi naturalmente sulle tapas, ma anche qua
    bisogna stare attenti ai bar “troppo turistici”, la cui
    poca qualità è colmata da alti prezzi. Da consigliare
    il las teresas in c/ Santa Teresa 2 e la Bodega
    Santa Cruz
    in c/ Rodrigo Caro proprio vicino alla piazza
    principale della città. Poco più in là in Calle
    San Eloy troverete il Patio San Eloy un po’ troppo fast food
    ma senza dubbio molto caratteristica e con prezzi contenuti che vi
    servirà svariati “bocadillos” (panini)
    accompagnati dalle immancabili patatine. Da visitare assolutamente a
    Real Alcazar de Sevilla dove vi faranno un enorme sconto
    mostrando un “qualsiasi” tesserino universitario.
    Immancabile sarà anche la visita alla Plaza de Espana.
    Per dormire è da consigliare l’Hotel Londres

    (C/. San Pedro Martir, 1, www.londreshotel.com),
    un hotel a tre piani, dotato di tutti confort, senza carattere ma
    con i prezzi da Hostal e molto i gestori molto gentili. Se avete
    tempo, perdetevi per le viuzze del quartiere Santa Cruz.

  • Jerez de la
    frontera
    . Abbiamo visto poco di questa città, anzi quasi
    nulla ad eccezione della Reale Escuela Equestre, “la
    scuderia” di sua maestà dove determinati giorni della
    settimana potrete vedere i famosi cavalli spagnoli danzare a ritmo
    di musica (obbligatoria la prenotazione). Negli altri giorni potrete
    invece ammirare (ad un prezzo più ridotto) gli allenamenti e
    visitare le scuderie. In realtà vi è concesso molto
    poca libertà e non potrete filmare o fotografare gli
    allenamenti. Che ci fate entrare a fare? Obbligatoria la visita ad
    una qualsiasi “bodega di jerez”, il famoso vino della
    zona. Personalmente abbiamo visitato quella di Gonzales Byass

    (Tio Pepe) anche se a mio parere una vale l’altra. Un consiglio ad
    eccezione di pochi vini che non troverete nei supermercati, non è
    molto conveniente comprare negli spacci interni, potrete infatti
    trovarli in giro ad un prezzo molto più basso.

  • El Puerto de Santa Maria è una cittadina molto viva d’estate e
    popolata soprattuto da turisti spagnoli e da pochi europei che
    preferiscono invece andare nella vicina Cadiz. L’Hostal Manolo
    è un’ottima soluzione visto che si paga a luglio 34€ a
    notte per una doppia ma soprattuto per la cordialità del
    proprietario che in pochi minuti diventerà il vostro mito.
    Impossibile non andare a mangiare da Romerijo
    (www.romerijo.com).
    Trattasi di due ristoranti che vi cucinano dell’ottimo pesce sia
    bollito che fritto. Andate al bancone, prendete il vostro numero
    ordinate i vostri gamberetti, aragoste o granchi, e andate a
    mangiare nei tavolini del ristorante. I camerieri del ristorante
    servono praticamente solo per portarvi da bere, per sparecchiare o
    per i più pigri che non hanno voglia di scegliersi il proprio
    pesce ma vogliono sfogliare il menù (pagando qualcosa in
    più).

  • Canos de Meca e
    Palya del palmar
    . Per dormire non ho nulla da consigliare anche
    perché ci sono molti hostal/ristoranti nei paraggi. Giusto
    per darvi un nome (www.elcapi.com),
    non cordialissimi, ma non vi mancherà nulla. Indispensabile
    l’auto. Ottima soluzione sembra assere anche il campeggio. La
    spiaggia de el palamar è una spiaggia molto viva e
    lunghissima dove potrete fare surf (l’unica della costa) e dedicarvi
    alle solite attività da spiaggia, anche riposandovi. Canos de
    Meca è una spiaggia invece che vive del fatto che un tempo
    era popolata da hippy. Oggi sembra invece una spiaggia dove le
    famiglie vanno là perché è la più

    vicina, mentre molti ragazzi vanno là per sentirsi hippy. La
    cosa straordinaria di questa spiaggia sono i rivoli d’acqua che
    scendono dalla scogliera a picco sul mare. Questi rivoli formano del
    fango sulla roccia che potrete utilizzare per spalmarlo sulla vostra
    pelle. La vostra pelle sarà incredibilmente liscia alla fine.
    Molti cartelli invitano a fare attenzione alla propria roba. Si vede
    che alla fine hanno poco di hippy. Alcune zone di questa spiaggia
    sono praticamente esclusiva per i nudisti. Quindi attenzione
    pudici…

  • Vejer de la
    Frontera
    è una città molto bella ma allo stesso
    tempo molto piccola. E’ visitabile in un pomeriggio. Alcune case
    danno la possibilità di entrare nei patio, dove entrando
    vedrete famiglie mangiare o dedicarsi alle normali attività

    domestiche. Noncuranti tirate dritto magari salutando. Questi patio
    spesso sono dei capolavori. Alcune di queste case hanno a volte
    delle vere e proprie torri. Per un’ottima cena con cibo di qualità
    vi consiglio la Mason du Pepe Julian in C/ Juan
    Relinque 7, ristorantino molto tranquillo che offre normali piatti
    della cucina spagnola e ottime tapas. Ottima anche la tortilla ma
    soprattuto la carne, cosa quasi rara sulla costa de la luz.

  • Tarifa è
    una città che si è ormai concessa completamente ai
    turisti anche se è riuscita a conservare la sua dignità.
    Patria del windsurf e del kitesurf, Tarifa è la città

    più ventosa d’europa. Per dormire abbiamo alloggiato
    all’Hostal Africa in C/. Maria Antonia Toledo, 12,
    (Tel. 956680220, hostal_africa@hotmail.com),
    buona soluzione che però potrebbe raddoppiare i prezzi (come
    tutti gli altri) nel mese di agosto. Dal punto di vista turistico
    questa cittadina non ha molto da offrire a meno che non vogliate
    fare surf o windsurf o semplicemente shopping nei negozi di queste
    attività che pullulano numerevoli nella via principale Calle
    Batalla del Salado. Molto più interessante ma senza troppo
    pretese la vita notturna nelle strette vie del centro storico. Una
    delle attività principali di questa cittadina è il
    “whale watching”, l’avvistamento cioè di balene e
    delfini. Il prezzo non è eccessivo, ed è compreso un
    piccolo corso. Per i routard o semplicemente per chi vuole mangiare
    un panino a qualsiasi ora del giorno senza spendere molto, in calle
    El bravo, la via principale del centro storico c’è un
    piccolissimo panificio che fa panini “su misura”. Occhio
    allo scontrino da queste parti, soprattutto se si mangia tapas,
    sembra che i prezzi nei menù non sempre coincidano con quelli
    dello scontrino da queste parti, o che i gestori non sappiano fare
    bene i conti, soprattutto se siete turisti. Questa cittadina non ci
    ha colpito tantissimo, ma può essere un buon punto di
    passaggio se state per imbarcarvi per l’Africa, visibile ad occhio
    nudo dal molo, dista infatti solo 12 km in linea d’aria!

A
proposito dei taxi a siviglia volevo mettere in guardia sul fatto che
nonostante ci sia una tariffa fissa per il trasporto dall’aeroporto
verso qualsiasi posto della città (19€ il giorno e 21€
euro la notte), i tassisti arrotondano molto la cifra. Noi ci siamo
fatti fregare sia all’andata che al ritorno…